Contro il vittimismo di Putin: così agisce la propaganda del Cremlino

18/03/2023 10:13 Il Foglio

Pubblichiamo l’intervento dello storico Timothy Snyder, professore di Yale, al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 14 marzo 2023, per una sessione convocata dalla Federazione russa sul tema della “russofobia”.     Signore e signori, mi presento a voi come storico dell’Europa orientale e, in particolare, come storico delle uccisioni di massa e delle atrocità politiche. Sono lieto di essere stato invitato qui a informarvi sull’uso del termine “russofobia” da parte di molti esponenti delle istituzioni russe. Credo che questa discussione possa chiarire qualcosa sul carattere della guerra di aggressione della Russia in Ucraina e sull’occupazione illegale del territorio ucraino da parte della Russia. Parlerò brevemente e mi limiterò a due punti.   Primo: i danni ai russi e alla cultura russa sono principalmente il risultato delle politiche della Federazione russa. Se ci preoccupiamo per i danni ai russi e alla cultura russa, allora dovremmo preoccuparci delle politiche dello stato russo. Secondo: il termine “russofobia”, di cui stiamo discutendo oggi, è stato sfruttato durante questa guerra come una forma di propaganda imperiale in cui l’aggressore sostiene di essere la vittima. In quest’ultimo anno è servito a giustificare i crimini di guerra russi in Ucraina. Permettetemi di iniziare dal primo punto. La premessa, quando discutiamo di “russofobia”, è che siamo preoccupati per i danni ai russi. È una premessa che certamente condivido. Condivido la preoccupazione per i russi. Condivido la preoccupazione per la cultura russa. Ricordiamo quindi le azioni che nell’ultimo anno hanno causato i maggiori danni ai russi e alla cultura russa. Ne citerò dieci.   1. Costringere i russi più creativi e produttivi a emigrare. L’invasione russa dell’Ucraina ha costretto circa 750 mila russi a lasciare la Russia, tra cui alcune delle persone più creative e produttive. Questo è un danno irreparabile per la cultura russa ed è il risultato della politica russa. 2. La distruzione del giornalismo russo indipendente, che impedisce ai russi di conoscere il mondo che li circonda. Anche questa è una politica russa e causa danni irreparabili alla cultura russa. 3. La censura e la repressione della libertà di parola in Russia. In Ucraina si può dire ciò che si vuole sia in russo che in ucraino. In Russia non si può. Se vi presentate in Russia con un cartello in cui dite “no alla guerra”, sarete arrestati e molto probabilmente imprigionati. Se vi presentate in Ucraina con un cartello in cui dite “no alla guerra”, indipendentemente dalla lingua in cui è scritto, non vi succederà nulla. La Russia è un paese con una sola lingua principale, dove si può dire poco. L’Ucraina è un paese con due lingue, dove si può dire quello che si vuole. Quando visito l’Ucraina, le persone mi riferiscono dei crimini di guerra russi usando entrambe le lingue, usando l’ucraino o il russo, come preferiscono. 4. L’attacco alla cultura russa attraverso la censura dei libri scolastici, l’indebolimento delle istituzioni culturali russe in patria e la distruzione dei musei e delle organizzazioni non governative dedicate alla storia russa. Tutte queste cose rientrano nelle politiche russe. 5. La perversione della memoria della Grande guerra patriottica combattendo una guerra di aggressione nel 2014 e nel 2022, privando così tutte le future generazioni di russi di tale eredità. Questa è la politica russa, che ha creato un grande danno alla cultura russa. 6. Il declassamento della cultura russa nel mondo e la fine di quello che una volta veniva chiamato “russkiy mir”, il mondo russo all’estero. Una volta c’erano molte persone che si sentivano amiche della Russia e della cultura russa in Ucraina. Questa situazione è stata interrotta da due invasioni russe. Quelle invasioni erano una politica dello stato russo. 7.  L’uccisione di massa della popolazione russofona in Ucraina. La guerra di aggressione russa in Ucraina ha ucciso più russofoni di qualsiasi altra azione. 8. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha portato alla morte in massa di cittadini russi che hanno combattuto come soldati nella sua guerra di aggressione. Circa 200 mila russi sono morti o mutilati. Questa è, ovviamente, politica russa. E’ sempre politica russa mandare giovani russi a morire in Ucraina. 9. I crimini di guerra, i traumi e i sensi di colpa. Questa guerra significa che una generazione di giovani russi, quelli che sopravviveranno, saranno coinvolti in crimini di guerra e saranno avvolti da traumi e sensi di colpa per il resto della loro vita. Questo è un grande danno per la cultura russa.  Tutti questi danni ai russi e alla cultura russa sono stati provocati dallo  governo russo stesso, soprattutto nel corso dell’ultimo anno. Quindi, se fossimo sinceramente preoccupati per i danni ai russi, queste sono alcune delle cose a cui dovremmo pensare. Ma forse la peggiore politica russa nei confronti dei russi è l’ultimo punto. 10. La continua formazione o educazione dei russi a credere che il genocidio sia normale. Lo vediamo nelle ripetute affermazioni del presidente russo Vladimir Putin secondo cui l’Ucraina non esiste. Lo vediamo nelle fantasie genocide dei media statali russi. Lo vediamo in un anno in cui la  televisione di stato che raggiunge milioni o decine di milioni di cittadini russi ogni giorno. Lo vediamo quando la televisione di stato russa presenta gli ucraini come maiali. Lo vediamo quando la televisione di stato russa presenta gli ucraini come parassiti. Lo vediamo quando la televisione di stato russa presenta gli ucraini come vermi. Lo vediamo quando la televisione di stato russa presenta gli ucraini come satanisti o demoni. Lo vediamo quando la televisione di stato russa proclama che i bambini ucraini dovrebbero essere annegati. Lo vediamo quando la televisione di stato russa proclama che le case ucraine dovrebbero essere bruciate con le persone all’interno. Lo vediamo quando le persone appaiono alla televisione di stato russa e dicono: “Non dovrebbero esistere affatto. Dovremmo giustiziarli con un plotone d’esecuzione”. Lo vediamo quando qualcuno appare alla televisione di stato russa e dice: “Uccideremo un milione, uccideremo 5 milioni, possiamo sterminarvi tutti”, intendendo tutti gli ucraini.   Ora, se fossimo sinceramente preoccupati per i danni ai russi, ci preoccuperemmo per ciò che la politica russa sta facendo ai russi. L’affermazione che gli ucraini sono “russofobi” è un ulteriore elemento dell’incitamento all’odio russo nella televisione di stato russa. Nei media russi, le altre affermazioni sugli ucraini sono mescolate con l’affermazione che gli ucraini sono russofobi. Così, ad esempio, nella dichiarazione alla televisione di stato russa in cui l’oratore proponeva di sterminare tutti gli ucraini, il suo ragionamento era che dovrebbero essere sterminati tutti perché manifestano “russofobia”. L’affermazione che gli ucraini devono essere uccisi perché hanno una malattia mentale nota come “russofobia” è negativa per i russi, perché li educa al genocidio. Ma, ovviamente, una simile affermazione è molto peggiore per gli ucraini.   Ho scattato una foto nel seminterrato della scuola di Yahidne, nella regione di Chernihiv, in Ucraina. A Yahidne, gli occupanti russi hanno tenuto l’intera popolazione del villaggio nel seminterrato della scuola. Alcune persone sono state giustiziate, altre sono morte per sfinimento. Sul muro c’era scritto “59 bambini”:  il numero di coloro che erano imprigionati in quello spazio molto piccolo. Al piano terra della scuola c’erano graffiti russi che ripetevano slogan di propaganda televisiva, ad esempio che gli ucraini sono “diavoli”. Questo mi porta al secondo punto. Il termine “russofobia” è una strategia retorica che conosciamo dalla storia dell’imperialismo.   Quando un impero attacca, questo sostiene di essere la vittima. La retorica secondo cui gli ucraini sono in qualche modo “russofobi” viene utilizzata dallo stato russo per giustificare una guerra di aggressione. Il linguaggio è molto importante. Ma è il contesto in cui viene usato che conta di più.  Questo è il contesto: l’invasione russa dell’Ucraina stessa, la distruzione di intere città ucraine, l’esecuzione di leader locali ucraini, la deportazione forzata di bambini ucraini, lo sfollamento di quasi metà della popolazione ucraina, la distruzione di centinaia di ospedali e migliaia di scuole, l’eliminazione deliberata delle forniture di acqua e elettricità durante l’inverno. Questo è lo scenario.  Questo è ciò che sta realmente accadendo. Il termine “russofobia” viene usato in questo contesto per avanzare l’idea che la potenza imperiale è la vittima, anche se la potenza imperiale, la Russia, sta conducendo una guerra di atrocità. Questo è un comportamento, dal punto di vista storico, tipico. Il potere imperiale disumanizza la vittima reale e sostiene di essere la vittima. Quando la vittima (in questo caso l’Ucraina) si oppone all’attacco, all’assassinio, alla colonizzazione, l’impero dice che il desiderio di essere lasciati in pace è irragionevole, una malattia. Si tratta di una “fobia”. L’affermazione che le vittime sono irrazionali, che sono “fobiche”, che hanno una “fobia”, ha lo scopo di distogliere l’attenzione dall’effettiva esperienza delle vittime nel mondo reale, che è un’esperienza, ovviamente, di aggressione, guerra e atrocità.   Il termine “russofobia” è una strategia imperiale volta a cambiare il centro della discussione, da una vera e propria guerra di aggressione ai sentimenti degli aggressori, sopprimendo così l’esistenza e l’esperienza delle persone più danneggiate.  L’imperialista dice: “Siamo gli unici qui. Siamo noi le vere vittime. E i nostri sentimenti feriti contano più delle vite degli altri”. Ora, i crimini di guerra della Russia in Ucraina possono essere e saranno valutati dalla legge ucraina, perché avvengono sul territorio ucraino, e dal diritto internazionale. A occhio nudo, possiamo vedere che c’è una guerra di aggressione, ci sono crimini contro l’umanità e c’è un genocidio. L’applicazione del termine “russofobia” in questo contesto, affermare che gli ucraini siano malati di mente piuttosto che un popolo che sta vivendo un’atrocità, è retorica coloniale. Fa parte di una pratica più ampia di incitamento all’odio. Ecco perché questa sessione è importante: ci aiuta a vedere l’incitamento all’odio genocida della Russia. L’idea che gli ucraini abbiano una malattia chiamata “russofobia” è usata per distruggerli, insieme alle argomentazioni secondo cui sarebbero vermi, parassiti, satanisti e così via.   Sostenere di essere la vittima quando in realtà si è l’aggressore non è una difesa. Anzi, è parte del crimine. I discorsi d’odio contro gli ucraini non fanno parte della difesa della Federazione russa o dei suoi cittadini. E’ un elemento dei crimini che i cittadini russi stanno commettendo sul territorio ucraino. In questo senso, convocando questa sessione, lo stato russo ha trovato un nuovo modo per confessare i crimini di guerra. Grazie per l’attenzione.   Di seguito il secondo intervento dello storico, in risposta a una richiesta dell’ambasciatore russo all’Onu Vassily Nebenzia sulle fonti del primo intervento.    Grazie, signor presidente. E’ stato un piacere essere qui con voi e tra diplomatici. L’ambasciatore russo ha ritenuto opportuno chiedermi le fonti, e sono molto felice di accontentarlo. Se siamo interessati alle fonti delle dichiarazioni di alti funzionari della Federazione russa, rimando Nebenzia al sito web del presidente della Federazione russa. Lì troverà i discorsi del presidente della Federazione russa che negano l’esistenza dell’Ucraina sulla base del fatto che l’Ucraina è stata inventata dai nazisti; negano l’esistenza dell’Ucraina sulla base del fatto che è stata inventata dai comunisti; e negano l’esistenza dell’Ucraina sulla base del fatto che un vichingo sia stato battezzato mille anni fa. Non commenterò qui la validità storica o la logica di questi argomenti.  Mi limiterò semplicemente a sottolineare che si tratta di una questione di pubblico dominio, che queste sono le dichiarazioni del presidente della Federazione russa. Allo stesso modo, Dmitri Medvedev, membro del Consiglio di sicurezza russo, sul suo canale telegram, offre ripetutamente il tipo di linguaggio genocida di cui si è discusso oggi.     Per quanto riguarda le fonti della televisione di stato russa, è molto semplice: stavo citando la televisione di stato russa. La televisione di stato russa è un organo dello stato russo. Come ha detto lo stesso presidente della Federazione russa, la televisione di stato russa rappresenta gli interessi nazionali russi. Le dichiarazioni rilasciate dalla televisione di stato russa e da altri media statali, quindi, sono significative, non solo come espressione della politica russa, ma anche come segno di una motivazione genocida per la popolazione russa. Questo è vero a tal punto che gli stessi presentatori della televisione russa hanno espresso ad alta voce la preoccupazione per la possibilità di essere perseguiti per crimini di guerra. Rimando quindi l’ambasciatore della Federazione russa  agli archivi video dei canali televisivi di stato russi. Per coloro che non conoscono il russo, rimando all’eccellente lavoro di Julia Davis, che ha raccolto un archivio di materiale video russo rilevante.   Se le fonti in questione riguardano le effettive atrocità russe in Ucraina, queste sono ben note e sono state abbondantemente documentate. La cosa più semplice da fare per lo stato russo sarebbe permettere ai giornalisti russi di riferire liberamente dall’Ucraina. Per tutti gli altri, la cosa più semplice da fare sarebbe visitare l’Ucraina, un paese che ha un presidente bilingue democraticamente eletto che rappresenta una minoranza nazionale, e chiedere alla popolazione ucraina informazioni sulla guerra sia in ucraino sia in russo. Gli ucraini parlano entrambe le lingue e possono rispondere in entrambe le lingue.   Vassily Nebenzia ha ritenuto opportuno attaccare le mie qualifiche. Prendo questo rimprovero da parte dello stato russo come un motivo di orgoglio, dal momento che si tratta di un elemento molto secondario in un più ampio attacco alla storia e alla cultura russa. Il mio lavoro è stato dedicato, tra l’altro, alla cronaca dell’assassinio di massa dei russi, anche durante l’assedio di Leningrado. Sono orgoglioso di aver imparato nel corso della mia carriera dagli storici dell’Ucraina, della Polonia, dell’Europa in generale e anche dagli storici della Russia. E’ un peccato che ai principali storici russi e ai principali studiosi russi non sia permesso di praticare liberamente le proprie discipline nel proprio paese. E’ un peccato che organizzazioni come Memorial, che hanno svolto un lavoro eroico nella storia russa, siano ora criminalizzate in Russia. E’ anche un peccato che le leggi sulla memoria in Russia impediscano la discussione aperta della storia russa. E’ un peccato che la parola “Ucraina” sia stata bandita dai libri di scuola russi. In quanto storico della Russia, attendo con ansia il giorno in cui si potrà discutere liberamente dell’affascinante storia russa.     A proposito di storia, l’ambasciatore russo all’Onu ha negato l’esistenza di una storia dell’Ucraina. Vorrei suggerirgli eccellenti studi di storici che conoscono sia l’ucraino sia il russo, come il recente lavoro del mio collega Serhij Plokhij di Harvard. In generale, suggerisco al pubblico al mio corso aperto sulla storia ucraina a Yale, che spero possa illustrare il significato della storia ucraina in modo più eloquente di quanto possa fare io qui.   Più in generale, vorrei ringraziare l’ambasciatore della Federazione russa per avermi aiutato a esprimere il punto che stavo cercando di chiarire nel mio intervento. Quello che ho cercato di dire è che non spetta all’ ambascdi un paese più grande dire che il paese più piccolo non ha storia. Quello che il rappresentante russo ci ha appena detto è che ogni volta che gli ucraini, nel passato o nel presente, affermano di esistere come società, questa è “ideologia” o “russofobia”. Il rappresentante russo ci ha aiutato esemplificando il comportamento che ho cercato di descrivere. Come ho appena cercato di dire, liquidare la storia altrui, o definirla una malattia, è un atteggiamento coloniale con implicazioni genocide. Un impero non ha il diritto di dire che un paese vicino non ha storia.  L’affermazione che un paese non abbia un passato è un discorso di odio genocida. Questa sessione è stata utile per aiutarci a fare un collegamento tra le parole e i fatti russi. Grazie.

Continua a leggere su "Il Foglio"
Altre notizie da "Il Foglio"
ULTIMA ORA
16/04 12:15 - Iran - Israele, le notizie in diretta | Usa: «Improbabile risposta diretta contro il territorio iraniano». Crosetto: «Convinto Israele reagirà, ma teme la bomba atomica dell'Iran» 16/04 12:00 - Xi incontra Scholz a Pechino: ecco i quattro  principi per «ridurre» la crisi ucraina 16/04 11:48 - Scholz da Xi: 'Discuterò con lui di una pace giusta in Ucraina' 16/04 11:12 - Divisioni nel gabinetto di guerra di Israele: Netanyahu ora teme l'accelerazione di Gantz 16/04 10:33 - "Il tempo stringe". L'Iran ha la bomba atomica? Cosa sappiamo 16/04 10:14 - Guerra Ucraina - Russia, le news di oggi. Zelensky critica gli alleati: “Israele ha supporto nei cieli, non sulla carta”. Kiev: “In 24 ore centinaia di combattimenti nell'Est” 16/04 10:14 - Guerra in Israele, le notizie di oggi. Aiea: “L'Iran domenica ha chiuso gli impianti nucleari per sicurezza”. Fonti Usa: “Probabile un attacco fuori dall’Iran” 16/04 09:58 - Ucraina, Aiea: "Sicurezza Zaporizhzhia a rischio con attacchi" 16/04 09:21 - Amadeus e... il sogno di Warner Bros? Antonella Clerici dalla Rai al Nove 16/04 09:04 - Tesla taglia il 10% della forza lavoro per la concorrenza cinese 16/04 08:29 - Dal Mar Nero alla connettività. Il G7 si schiera di nuovo con l’Ucraina 16/04 08:16 - "L'Iran dovrà affrontare le conseguenze delle sue azioni", dice l'Idf 16/04 08:08 - L'aviazione, la lista di obiettivi e il "momento giusto": cosa aspetta Israele a colpire l'Iran 16/04 08:05 - Iran, Israele adesso giura vendetta Teheran: "Pronti a usare qualsiasi arma" 16/04 08:02 - Il brivido di paura delle capitali europee dopo l’attacco iraniano ad Israele: di fronte a un raid balistico il continente sarebbe senza difese 16/04 08:00 - Se gli arabi tifano contro Teheran 16/04 07:40 - Israele-Iran, così la diplomazia Usa prova a evitare una rappresaglia armata 16/04 06:55 - Le mani dell'Iran dietro al crollo dei Bitcoin. Così si sono pagati l'attacco 16/04 06:09 - Scholz a Pechino deve destreggiarsi tra tante istanze contrapposte. Ma Berlino non può permettersi di perdere anche la Cina 16/04 05:42 - L'alt di Ue e Usa: "Israele si fermi". L'Iran: "Siamo pronti a reagire" 16/04 05:25 - Il capo di stato maggiore israeliano: "Dall'Iran tanti missili, riceverà risposta" 16/04 05:15 - Borussia Dortmund-Atletico Madrid, dove vederla in TV e streaming su Canale 5, Amazon Prime o Sky: le formazioni 16/04 05:01 - L’analista militare russo: “Putin può vincere subito ma vuole che la guerra continui” 16/04 05:00 - "Pronti a qualsiasi guerra". Sale la tensione intorno alla Cina 16/04 04:45 - Champions League oggi in TV, le partite di ritorno dei quarti: gli orari e dove vederle 16/04 04:00 - Per trasportare l'esercito tornano i treni di guerra 16/04 04:00 - Metà dei missili di Teheran schiantati da soli. "Dimostrazione? No, fallimento spettacolare" 16/04 04:00 - Gli F-35, le bombe e i raid sui reattori. I piani (già pronti) per annientare l'atomica dell'Iran 16/04 04:00 - Ma Bibi va allo strappo: "Non c'è altra scelta. Presto il nostro attacco". E non risponde ai leader 16/04 03:26 - L’attacco flop coi droni è una cosa. Ma se "i pazzi" ayatollah sviluppassero l’atomica? 16/04 03:04 - La contraddizione mortale dei repubblicani contro l’Iran ma a favore della Russia alleata dell’Iran 15/04 23:51 - Iran - Israele, le notizie in diretta | La Difesa israeliana: «Non c’è altra scelta che rispondere all’Iran». Netanyahu: Iran dovrà aspettare nervosamente. Difese iraniane in massima allerta 15/04 23:25 - L’ambasciatore israeliano Alon Bar: «Pronti ad agire. L’Iran è sponsor del terrorismo» 15/04 22:32 - Guerra in Israele, le notizie di oggi. Netanyahu a comunità internazionale, uniti contro Iran 15/04 22:28 - Guerra in Israele, le news del 15 aprile. Netanyahu: “Iran dovrà aspettare nervosamente nostra risposta”. Media: “Le difese aeree iraniane in massima allerta” 15/04 22:20 - Guerra Ucraina - Russia, le news del 15 aprile 15/04 22:01 - Guerra in Medio Oriente, Tajani: “Pronti a invio truppe se nascesse lo Stato palestinese”. L’Iran chiude gli impianti nucleari 15/04 22:01 - Guerra Russia-Ucraina, Kiev: “Centinaia di combattimenti nell'est in 24 ore”. Xi presenta i “quattro principi per la pace” 15/04 21:59 - L'attacco di Israele all'Iran 'potrebbe essere imminente' 15/04 20:43 - Netanyahu: "Risponderemo con saggezza e non di pancia". Dove potrebbe colpire Israele 15/04 20:38 - Guerra Ucraina - Russia, le news di oggi. Biden: “Mosca non si fermerà all'Ucraina”. Dal Congresso Usa, consenso su aiuti a Israele e Ucraina 15/04 20:33 - Alessandro Orsini a Prima di domani: “Israele non ha possibilità di vincere la guerra contro l’Iran” 15/04 20:08 - Chi è il generale iraniano che ha ordinato l'attacco su Israele 15/04 20:08 - Chi è il generale Hajizadeh, lo stratega dell’attacco dell’Iran a Israele. E a Teheran si esulta: «Siamo più pazzi di quello che credete» 15/04 20:00 - Discovery, manca solo l’informazione e il terzo polo diventerà realtà 15/04 19:59 - Venti di guerra Israele-Iran, la preoccupazione del governo. Tajani: «Prevalga il buonsenso». Crosetto: «Rischi per il mondo intero» 15/04 19:36 - La scrittrice Azar Nafisi, la guerra Iran-Israele copre i problemi interni di entrambi 15/04 19:16 - Moglie di Kara-Murza: 'Putin va fermato, condizione per la pace' 15/04 18:26 - Amadeus, l’addio alla Rai: “Lascio un pezzo di vita e di cuore. Mai fatte richieste per familiari” 15/04 18:01 - La rappresaglia di Israele contro l’Iran è «imminente». Le voci dagli Usa e il segnale del capo dell’Idf: «Risponderemo» 15/04 16:48 - Azar Nafisi: «Il mio popolo viene usato, in Iran nessuno vuole la guerra contro Israele» 15/04 16:47 - Il video virale contro i sostenitori degli ayatollah: non rappresentano il popolo iraniano 15/04 16:33 - Attacco Iran a Israele, "Tel Aviv valuta raid su Teheran o attacco informatico" 15/04 16:16 - Meravigliosa cicogna bianca avvistata al parco del Circeo: le immagini del raro incontro 15/04 16:14 - L'attacco dell'Iran contro Israele non scuote i mercati. Il parere degli esperti 15/04 15:52 - Cosa può succedere all’Europa senza gli Usa? Gli scenari di Iiss e Csis 15/04 15:49 - Amadeus ha comunicato al dg Rossi che lascia la Rai. Niente rinnovo, va al Nove 15/04 15:47 - Scomparso e trovato morto, il giallo è risolto dopo 56 anni: killer incastrato da ex moglie e da un amico 15/04 15:34 - Ecco perché le imprese italiane resistono alle tempeste. Il rapporto di Intesa 15/04 15:24 - Stop ai maxi elicotteri contro gli incendi in Sicilia, servono per le zone di guerra 15/04 15:15 - Cyber e dipendenze strategiche (dalla Cina). Cos’ha deciso il G7 Trasporti 15/04 14:57 - Un anno di orrore in Sudan 15/04 14:52 - Ucraina-Russia, droni paralizzano la guerra: lo scenario 15/04 14:50 - Marco De Paolis, il magistrato “cacciatore di nazisti”: “L’ho fatto perché lo dovevamo alle vittime” 15/04 14:32 - Israele, il leader dell’opposizione Lapid: “Netanyahu una minaccia alla nostra stessa esistenza. Gantz ci aiuti far cadere il governo” 15/04 14:22 - Perché evitare l’escalation è la prima preoccupazione anche della Repubblica islamica dell’Iran 15/04 13:57 - Sui beni russi la spinta degli Stati Uniti sul G7 italiano 15/04 13:46 - Dalle parole sulla “soffocante occupazione” di Gaza al voto sul cessate il fuoco: così la guerra di Israele ha spinto l’Onu verso l’irrilevanza 15/04 13:37 - Un anno di guerra in Sudan,  il processo Trump a New YorkAmerica-Cina del 15 aprile 15/04 12:55 - L’attacco a Israele e la guerra come show per l’Iran: perché adesso i due nemici mortali potrebbero davvero fermarsi (o quasi) 15/04 12:05 - 1991: quando Israele non rispose ai missili di Saddam Hussein 15/04 11:29 - Qual è la posizione del governo italiano sull’attacco dell’Iran a Israele 15/04 11:22 - Amadeus a Warner Bros Discovery La Rai prova a tenersi "Affari Tuoi" 15/04 11:15 - Ucraina, Kiev: "Zaporizhzhia colpita 400 volte in 24 ore". Attacco Russia nel Donetsk: 4 morti 15/04 10:26 - Investimento record e cifre: quanto vale Amadeus al Nove 15/04 10:25 - Russia, Cina e Iran proteggono la Corea del nord perché è la loro polveriera anti occidente 15/04 10:05 - Tel Aviv sventa i missili e vola in Borsa La guerra spinge le industrie belliche 15/04 09:58 - Cerasa: "L'attacco dell'Iran dimostra che Israele non è isolato"  15/04 09:48 - "Si rischia una guerra nucleare". Lo scenario da incubo dietro l'attacco di Teheran 15/04 09:43 - Parigi 2024, Macron: “Lavoro a una tregua olimpica”. Minaccia attentati: “Pronti piani B e C per la cerimonia d’apertura” 15/04 09:06 - Israele-Iran, Netanyahu convoca un nuovo gabinetto di guerra. Scholz: “Anche Tel Aviv partecipi alla de-escalation” 15/04 08:51 - Europa in positivo (tranne Londra) Israele, la guerra non scuote le Borse 15/04 08:26 - Iran-Israele, Netanyahu riconvoca gabinetto guerra. Teheran: "Non vogliamo escalation" 15/04 08:15 - Chi sono i 21 imprenditori diventati miliardari grazie alla guerra in Ucraina. C’è anche un italiano 15/04 08:06 - Amadeus, mister 100 mln a Discovery. Quiz preserale e talent 15/04 08:00 - Una vittoria e una lezione 15/04 08:00 - Netanyahu e il dilemma del contrattacco 15/04 07:45 - Il prezzo della benzina torna a salire, mai così alto da 6 mesi. Un litro oltre i 2 euro 15/04 07:19 - Gaza pace lontana, gli scenari e le pressioni Usa: niente rappresaglie, scorte missili esaurite in Iran e Israele 15/04 07:08 - A Teheran esulta solo il Parlamento. Il popolo ha paura di una guerra: scorte di cibo e benzina 15/04 07:05 - Dall'odio per Israele al legame con Hamas: il risiko dietro l'attacco dell'Iran 15/04 07:00 - “La guerra tra Israele e Iran la vuole solo Netanyahu, Biden deve fermarlo”: l’analisi degli esperti 15/04 06:52 - Ucraina, quali sono gli scenari possibili? L’analisi di Orsini: “Odessa è la linea rossa”. Il dialogo con Di Battista sul libro Scomode verità 15/04 06:51 - Guerra, Netanyahu studia il blitz per stanare Joe Biden Attaccare l'Iran per far schierare gli Stati Uniti: il piano 15/04 06:25 - Sudan, dieci milioni di sfollati dopo un anno di guerra. Le volontarie di Emergency a Khartoum: “Tre milioni di bambini a rischio” 15/04 06:01 - "Pronti ad attaccare ancora": l'Iran minaccia ancora Israele 15/04 05:48 - La guerra di Teheran esce dall’ombra: gli iraniani sono i primi a condannarla 15/04 05:37 - Iron Dome, il super Scudo (e un miliardo) per difendersi 15/04 05:18 - Attacco Iran-Israele, news in diretta. Teheran: “Non sono in programma altre azioni militari”. Wsj: “Lancio non riuscito per metà missili” 15/04 04:53 - Guerra ultime notizie. Netanyahu, Iran dovrà «aspettare nervosamente» la risposta al loro attacco. Difesa aerea di Teheran in massima allerta